La storia di Sanjib: l'impegno nel realizzare un sogno

La storia di Sanjib: l'impegno nel realizzare un sogno

“CINI Asha mi ha aiutato sia ad avere un’assistenza scolastica di base sia offrendomi un posto sicuro in un ambiente amichevole in cui poter passare il mio tempo”.

Sanjib viveva con la madre e la sorella in uno dei quartieri a luci rosse di Calcutta, una tra le zone più svantaggiate e povere della città. La donna rappresentava l’unica fonte di reddito della famiglia e, dovendo lavorare tutto il giorno, non era in grado di dedicare ai figli le giuste cure e attenzioni. All’età di sei anni Sanjib è stato identificato dagli operatori di CINI come minore ad alto rischio, il bimbo infatti era seriamente malnutrito e debole e da allora ha iniziato a frequentare giornalmente il centro di CINI Asha, l’unità urbana dell’associazione.

Negli anni 90 questo centro di CINI è stato il primo nel suo genere ad occuparsi dei bambini del quartiere a luci rosse di Rambagan prestando loro assistenza, supporto psicologico e protezione. Offrire a questi ragazzi un posto sicuro significava e significa evitare alcune tra le più gravi situazioni che vedono coinvolti i più giovani, quali il traffico di minori, i matrimoni precoci combinati e il lavoro minorile.

All’epoca Sanjib era uno dei bambini più piccoli che frequentava giornalmente il centro, sia prima che dopo la scuola. Durante il pomeriggio il ragazzino veniva seguito nel reinserimento scolastico, mentre durante il pomeriggio era solito partecipare con entusiasmo alle attività extra scolastiche, quali ad esempio classi di nuoto, giochi, laboratori di sport e musica. Sanjib ricorda con piacere gli anni trascorsi al centro, racconta infatti che passava praticamente l’intera giornata a CINI Asha, e tornava a casa solo la notte per dormire.

Sanjib era un bambino vivace e sveglio, oggi è un ragazzo di 25 anni brillante e un gran lavoratore, infatti ha completato la decima classe con ottimi voti.

Dopo la scuola Sanjib è stato ammesso al college, scegliendo come materia di indirizzo matematica, ma purtroppo ha dovuto abbandonare gli studi al secondo anno. Infatti, a causa di numerosi problemi personali il ragazzo ha dovuto tralasciare gli studi, lavorando per otto mesi come centralinista.

Al termine di questo periodo di lavoro, Sanjib è stato nuovamente ammesso al college; oggi frequenta il secondo anno e contemporaneamente lavora, offrendo ripetizioni private agli studenti.

Il suo obiettivo è concludere gli studi in matematica e sogna di diventare un insegnante.

Sanjib spesso fa visita al centro di apprendimento gestito da CINI Asha e quando può fornisce supporto educativo ai bambini.