La volontà è il motore che muove le nostre vite

La volontà è il motore che muove le nostre vite

Milan ha 16 anni e vive nel Centro di accoglienza di CINI vicino alla stazione di Sealdah. Due anni fa, grazie all’aiuto dell’Unità urbana e nel rispetto delle leggi del governo statale, il ragazzo era stato rimpatriato in Bihar (stato confinante con il Bengala Occidentale) riunendosi alla propria famiglia.

Nonostante la sua grande voglia di imparare e di andare a scuola, i genitori non erano stati in grado di garantirgli questa possibilità. Il padre, in particolare, sin dalla più tenera età aveva costretto il figlio a lavorare e a contribuire al fabbisogno dei suoi fratelli. Malgrado i continui tentativi, Milan non era riuscito quindi a far rispettare i propri desideri dai genitori, motivo per cui decise di tornare a Calcutta: “Sapevo quale fosse l’unico luogo in cui avrei potuto realizzare i miei sogni e le mie speranze, per questo motivo ho scelto di tornare al Centro di CINI.”

Dopo pochi giorni al Centro, Milan è stato ammesso in una scuola locale, e l’anno scorso ha frequentato la classe VIII finendo l’anno con ottimi voti. Quest’anno ha iniziato a frequentare un centro di apprendimento gestito da CINI e grazie alle sue capacita oratorie Milan è stato selezionato per partecipare a un meeting internazionale sulla condizione di vita dei bambini di strada. 

L’evento, organizzato da Plan International e supportato dal Consorzio per i bambini di strada, si è tenuto a Nuova Delhi lo scorso aprile. Milan, insieme ad altri tre ragazzi di CINI, ha portato la sua testimonianza a proposito delle difficoltà e dei pericoli che caratterizzano la quotidianità di un bambino di strada, facendosi portavoce di tutti i suoi amici e compagni del centro, ma anche delle speranze che, nonostante tutte le difficoltà, un bambino può e deve avere il diritto di realizzare.